Sci d’erba: a trionfare tra gli uomini è Bartak, ma c’è tanta Italia nei podi finali

Chiude con una vittoria azzurra targata Mattia Arrigoni davanti al pubblico di casa di Schilpario, l’edizione 2019 della Coppa del mondo di sci d’erba, la quale, dopo tre vittorie consecutive a firma di Edoardo Frau, quest’anno va nelle mani del giovane talento della Repubblica Ceca Martin Bartak. Arrigoni trionfa chiudendo in slalom il tempo di 39″13, davanti allo svizzero Mirko Hueppi di 37 centesimi e al compagno di squadra Stefan Portmann per 43.

Edoardo Frau chiude ai bordi del podio staccato di un gap di 99 centesimi che non gli consento di insidiare il campione ceco che chiude con 1085 punti la classifica generale portandosi a casa tutte le classifiche di specialità eccezion fatta per quella di slalom portata ancora una volta nel nostro paese da Lorenzo Gritti; ancora Italia nell’ambito della Coppa per Nazioni che va agli azzurri per il secondo anno di fila.

Tra le donne ennesimo acuto di Jacqueline Gerlach he vince anche nel super-G ponendo il sigillo finale dopo un dominio durato per tutta la stagione che la consacra portandosi in Austria la sfera di cristallo.

L’appuntamento per una grande ed entusiasmante stagione di sci d’erba è per la prossima estate.

Sci d’erba: Schilpario zona di assegnazione sfera di cristallo

A Schilpario si assegnerà in questo weekend la Coppa del Mondo di sci d’erba 2019: nella prima giornata delle finali, giornata amara per Edoardo Frau: il fuoriclasse neo campione del mondo con obiettivo posto sul settimo titolo, esce di scena inforcando nella manche di slalom valevole per la super-combinata che è stata conquistato dal suo avversario, Martin Barak, portandosi in una situazione di netto vantaggio in termini di classifica generale: buone notizie invece dal settore femminile con Alessandra Manzoni che si piazza terza al traguardo con 3″38 di ritardo dalla prima classificata Jacqueline Gerlach, già campionessa, che

Oggi invece Frau, in quel della prima manche di slalom, si è classificato al quarto posto, a 53 centesimi dal ceco Jan Borak che è in testa con il tempo di 40’83”. Il tedesco Marcell Knapp occupa la seconda posizione seguito da Mirko Hueppi; tra le donne si conferma ancora una volta over the top Jacqueline Gerlach davanti a Adela Kettnerova e Nikola Fricova. Chiude quinta Alessandra Manzoni a 3’80” dalla cima della classifica.

Per le prossime gare, in attesa della seconda manche odierna, appuntamento a domani con il gigante: la prima manche avrà inizio alle 10,15, la seconda vedrà lo start alle 14,15. Domenica invece show con il super-g alle 10,45.

Sci d’Erba: a Diniz è ancora un assolo a tinte azzurre

Edoardo Frau on fire
Edoardo Frau on fire

Il cielo è azzurro sopra Diniz, nella lontana terra iraniana nella gara di slalom.

Nell’ultima gara asiatica valida per la Coppa del Mondo di sci d’erba, l’assolo è di quelli pesanti ed altamente importanti con Lorenzo Gritti ed Edoardo Frau che si sono dati autentica battaglia regalando spettacolo in una gara che ha visto il bergamasco prevalere sul neo Campione del Mondo per solo centesimo.

Per Gritti si tratta del successo numero dodici in carriera che gli vale anche il trionfo nella coppa di specialità per il terzo anno di fila; Martin Bartak, leader della generale, chiude terzo completando il podio, ma adesso la classifica per lui dice 840 punti, con Frau dietro 790 punti, mentre Gritti ancora la terza posizione con 512.

Come detto nell’articolo di qualche giorno fa, a completare e, di fatto, concludere la stagione dello sci d’erba ci sono da disputare soltanto le finali di Schilpario in programma dal 12 al 15 settembre, che assegneranno la sfera di cristallo generale in ambito maschile.

Ambito femminile invece che ha già dato il suo verdetto anche grazie, ancora una volta, al trionfo per la strepitosa Jacqueline Gerlach sul gradino più alto del podio anche in slalom davanti stavolta a Fricová e Vesela, che porta così a casa matematicamente la Coppa del Mondo raggiungendo i 1060 punti, con al secondo posto a pari merito ci sono Manzoni e Vesela con 620, una Antonella Manzoni autrice ancora una volta di un’ottima prova concludendo quarta sfiorando il podio.

Sci d’erba: tutto ancora in bilico per la Coppa del Mondo con Frau e Manzoni ancora protagonisti tra gli azzurri

Antonella Manzoni. FIS Super Combined Slalom run, Rettenbach 2011.

Edoardo Frau sulla pista iraniana di Dizin, da neo Campione del Mondo, è ancora un assoluto protagonista dello Sci d’erba, e rilancia le proprie ambizioni in ottica generale della Coppa del Mondo, tra le donne ancora una volta splendide prestazioni di Antonella Manzoni.

Partendo da sabato, la gara maschile ha visto la vittoria del ceco Martin Bartak con il che precede l’iraniano Seyed Jafari, mentre giunge terzo proprio Edoardo Frau a 79 centesimi; Lorenzo Gritti, finisce invece quarto giù dal podio; tra le donne sempre al top, come detto, la nostra Antonella Manzoni che chiude terza alle spalle di Jacqueline Gerlach e Alena Vesela, con un gap di quasi 3” dalla vincitrice biancorossa.

Nella giornata di ieri, invece, il fuoriclasse azzurro ha portato a casa rispettivamente un secondo e un primo posto in super-g e dopo una manche di slalom, valida per la supercombinata; nella gara mattutina a salire sul gradino più alto del podio è stato il suo grande rivale Martin Bartak, mentre al pomeriggio ha messo dietro i padroni casa Seyed Morteza Jafari e Mahdi Sologhani, con Bartak che chiude ai piedi del podio portandosi a casa il quarantanovesimo sigillo di una inarrivabile carriera; tra le donne assoluto dominio ancora dall’austriaca Jacqueline Gerlach, proiettata oramai quasi matematicamente alla conquista della Coppa del Mondo, con una strepitosa però Antonella Manzoni che prende un secondo posto mostruoso in super-g e un terzo in supercombinata, collezionando due podi quindi e tenendo la seconda posizione nella classifica generale.

In ottica generale la classifica dice ancora Bartak saldamente in testa con780 punti, contro i 690 di Frau, quindi matematica certezza dei trionfi che viene rinviata alle finali di Schilpario al via da giovedì 12 fino a domenica 15 settembre con i programma due super-g per gli uomini mentre le donne ne disputeranno uno solamente, le supercombinate, gli slalom giganti, ed infine gli slalom speciali.

Marbachegg: i mondiali di Sci d’Erba sono nel segno di Edoardo Frau e dell’Italia

Edoardo Frau on fire
Edoardo Frau on fire

Ci sono delle storie all’interno del nostro grande libro dello sport che non smettono mai di emozionare: quella di Edoardo Frau, dall’alto delle sue 39 primavere, è senza dubbio alcuno una di queste.

Ai Campionati del Mondo di Marbachegg, in terra elvetica, ha saputo come pochi danzare sull’erba tingendo di gloria i colori azzurri portandoli per l’ennesima volta in cima al mondo.

Andando per gradi, partiamo dal 14 agosto, data in cui il fuoriclasse dell’Italia va a trionfare nella supercombinata, gara che ha segnato lo start dei Mondiali tirando fuori una prestazione pazzesca fra i rapid gates mettendo dietro gli austriaci Sascha Posch e Hannes Angerer con un gap rispettivamente 12 e 34 centesimi dalla vetta relegandoli rispettivamente all’argento e al bronzo; una gara pazzesca che invece tra le donne ha sancito l’oro, mai in discussione, alla nipponica Chisaki Maeda, con un podio che si completa con l’austriaca Jacqueline Gerlach, e dall’altra giapponese Marina Maeda.

Il giorno successivo, nella calda giornata di ferragosto, il bis è bello che servito: Edoardo Frau, un fenomeno al Mondiale, strappa un bronzo nello slalom gigante in una gara che assegna il titolo iridato allo svizzero Stefan Portmann, e l’argento al ceco Martin Bartak, grande rivale di Frau in Coppa del Mondo: buonissime notizie per glia altri azzurri con un grande Pietro Guarini, quarto a 1″50 dal vincitore, e tanti altri azzurri all’interno dei primi 10 con Daniele Buio ottavo, Fabrizio Rottigni nono, Nicholas Anziutti decimo, e Nicolò Schiavetti undicesimo, mentre va out nella prima manche Lorenzo Gritti; tra le donne secondo oro per la giapponese Chisaki Maeda che consolida la sua supremazia in questa rassegna, andando a precedere l’austriaca Jacqueline Gerlach, e la compagna di squadra Yukiyo Shintani a 1″92.

Giorno 16 invece medaglia di bronzo a sorpresa per l’altro azzurro Pietro Guerini nello slalom speciale che porta a casa la prima medaglia in carriera; una giornata che era partita molto positivamente per i nostri colori con la seconda piazza di Lorenzo Gritti, cui è seguita poi, sfortunatamente per lui, una squalifica in una gara dove l’oro è andato a Mirko Hueppi e l’argento a Stefan Portmann, atleti di casa: tra le donne nessuna sorpresa inarrivabile Chisaki Maeda, alche porta a casa la terza medaglia d’oro precedendo la compagna di squadra Minori Tamura e l’austriaca Daniela Krueckel, con un quarto posto, ai piedi del podio, per la nostra atleta Federica Milesi, distanziata di poco meno di ben 15 secondi.

L’apoteosi arriva il 18 agosto, l’ultimo giorno, che segna l’autentico trionfo ancora di marca Edoardo Frau, che porta a casa con veemenza il secondo oro e la terza medaglia personale trionfando anche in super-g, contrassegnando questo come il miglior mondiale della sua carriera che, parla di ben 18 medaglie complessive dell’azzurro ai Campionati Mondiali; in questa gara, con il tempo di 27″92, Frau fa il vuoto lasciando l’argento allo svizzero Mirko Hueppi e il bronzo all’austriaco Hannes Angerer, con ancora un grande Pietro Guerini, che chiude al quinto posto con 52 centesimi di ritardo dalla vetta del fuoriclasse italiano; ennesimo capolavoro per la giapponese Cbhisaki Maeda tra le donne, che fa quattro su quattro, prima con il tempo di 30″84, davanti alla ceca Adela Kettnerova, alla compagna Marino Maeda, a 68: menzione d’obbligo per le nostre azzurre dove la migliore è stata Margherita Mazzoncini con l’ottavo posto, davanti ad Antonella Manzoni.

Un Campionato del Mondo che si chiude alla grande per l’Italia che tira una somma osservando uno score definitivo di quattro medaglie, due d’oro e due di bronzo e la certezza, assoluta, di avere nella propria squadra un autentico fenomeno corrispondente al nome di Edoardo Frau.

Ora, più che mai, il cielo è azzurro sotto Marbachegg.

Sci d’erba: il padrone di Cortina d’Ampezzo è Lorenzo Gritti

Lorenzo Gritti illumina Cortina d’Ampezzo e fa un back-to-back pazzesco nella terza tappa di Coppa del Mondo di sci d’erba conquistando le undici sinfonie in carriera in questa competizione.

Autentico dominatore del tecnico, Gritti ha sfoderato sia nella giornata di sabato che in quella di domenica due prestazioni a dir poco straordinarie mettendo in fila tutti gli avversari ponendo serie velleità in vista del traguardo finale della competizione.

Partendo dalla giornata di sabato, il due volte Campione della specialità slalom precede di 72 centesimi l’elevetico Hueppi, secondo, e di 1″02 l’austriaco Angerer che completa il podio in terza posizione; buona anche la prestazione di Edoardo Frau che chiude quinto; domenica invece sono 57 i centesimi che lo separano ancora da Hueppi che chiude in terza posizione, mentre al teutonico Knapp va il terzo posto a 60 centesimi di gap. Frau rispetto al sabato chiude quinto scalando Din un posizione ma guadagna punti importanti sul leader della classifica generale, il ceco Martin Bartak andato out, con una classifica che per quest’ultimo in vetta parla di 530 punt con Frau al secondo posto con 450, terzo Portmann a 335, mentre Gritti sale al quinto posto con 277.

Fra le ragazze affermazione di Alena Vesela in 1’17″71 che sconfigge Jacqueline Gerlach battente bandiera austriaca e la slovacca Fricová; quinta Margherita Mazzoncini, mentre Antonella Manzoni e Monica Ferrighetto chiudono rispettivamente in sesta e settima posizione completando il trio azzurro. Nella classifica generale comanda Gerlach con 660 punti che mette dietroKettnerova con 386, e Manzoni con 370.

Ora una bella serie di pausa e Coppa del Mondo di sci d’erba che riprenderà soltanto a fine agosto in terra iraniana precisamente a Dizin.

Sci d’Erba: la Coppa del Mondo parte con una grande Italia con Frau subito sugli scudi

Edoardo Frau on fire
Edoardo Frau on fire

Come anticipato la settimana scorsa, è partita nell’ultimo weekend la Coppa del Mondo di sci d’erba e, l’Italia come sempre, non si è fatta attendere per quanto concerne l’aspetto in merito alla voce grossa in quel di Rettenbach in terra austriaca.

Partendo dalla giornata di sabato, la spedizione azzurra è subito stata protagonista con la splendida Antonella Manzoni che alla soglia delle trentanove primavere si è guadagnata con una splendida prestazione la terza piazza con un gap di 1″03 dalla vincitrice Jacqueline Gerlach. Terzo gradino del podio che è stato preso anche in ambito maschile con il fuoriclasse Edoardo Frau distaccato di un secondo dal ceco Martin Bartak vincitore della gara.

Domenica si è replicato, e Frau si è vince nello slalom in una supercombinata che va ancora una volta Bartak che bissa il successo del giorno prima e va in testa alla classifica generale tallonato proprio dal nostro azzurro. C’è gloria anche in ambito femminile attraverso la giovane Margherita Mazzoncin che a 22 anni con il terzo posto in supergigante alle spalle di Adela Kettnerova e Jacqueline Gerlach si regala il primo podio in carriera, mentre in supercombinata ha sfiorato una nuova impresa, con una quarta posizione dietro a Jacqueline Gerlach che è in testa alla classifica generale.

Il prossimo appuntamento con la Coppa del mondo di sci d’erba sarà il 29 e 30 giugno in terra ceca a Predklasteri per uno spettacolo tecnico con gigante e slalom; siamo solo all’inizio ma i fuochi d’artificio tra il verde sono già iniziati belli sonanti.

L’estate porta con sé il ritorno dello sci d’erba con la Coppa del Mondo edizione 2019

L’estate oramai è alle porte e, come ogni anno, porta con sé lo start in merito stagione dello sci d’erba con l’avvento Coppa del mondo edizione 2019.

Sarà Rettembach, in quel dell’Austria, stesso teatro dell’avvio delle competizioni di sci alpino, la località dove le competizioni inizieranno e dove il fuoriclasse azzurro Edoardo Frau cercherà di difendere, in qualità di detentore, la sfera di cristallo che ha sollevato al cielo oltre allo scorso anno anche nel 2008, 2012, 2013, 2016, e 2017.

Ricordiamo che in questa disciplina dello sci d’erba, l’Italia recita una parte da leone da anni: detto delle Coppe del Mondo di Frau, ricordiamo anche quella vinta tra le donne, nel 2012, da Ilaria Sommavilla, oltre ai Campionati del Mondo dove quest’ultima ha trionfato in slalom nel 2009 oltre a due bronzi in gigante nel 2011 e nel 2013, mentre ritornando a Frau, abbiamo uno score di 2 ori nel 2005 e nel 2011, più 5 argenti e 8 bronzi a testimonianza di un percorso ad altissimo livello di tutto il movimento azzurro.

Tornando all’odierno, il calendario di questo fine settimana prevede per questo sabato 15 le gare inerenti ai giganti, per andare poi domenica 16 giugno di supergiganti per l’assegnazione della supercombinata, che verrà completata con gli slalom.

Secondo quanto riferito dal sito della FISI, questo l’elenco dei convocati che il C.T. Fausto Cerentin ha diramato per questa stagione di Coppa del Mondo: tra le donne figurano Antonella Manzoni, Margherita Mazzoncini, Federica Milesi, Monica Ferrighetto e Chiara Milesi, mentre per gli uomini ci saranno Mattia Arrigoni, Jacopo Facchin, Edoardo Frau, Lorenzo Gritti, Pietro Guerini, Davide Saviane, Filippo Zamboni, Nicholas Anziutti, Marco Combi, Fabrizio Rottigni e Nicolò Schiavetti.