Privacy Policy Cookie Policy Jacqueline Wiles salta i Giochi Olimpici - Discesa Libera

Jacqueline Wiles salta i Giochi Olimpici

Bruttissimo infortunio per l’atleta statunitense

Jacqueline Wiles
Jacqueline Wiles

Jacqueline Wiles, never give up!!!

Non è mai facile per un’atleta rinunciare a un sogno come i giochi olimpici. E neanche immagino quanto possa bruciare il fatto di farsi male proprio a pochissimi giorni da quello che è l’evento sportivo più importante al mondo.

Spesso però purtroppo capita che, quando fai il lavoro che ami, capitano delle vicissitudini che sfortunatamente ti portano a cadere e a farti (Temporaneamente) rinunciare ad essere parte di una spedizione che, sportivamente parlando, corona tutte le tue aspettative.

Aspettative per il quali si fanno sacrifici anche economici per farli avverare, e questo comporta ancor più amarezza nello stato d’animo come sicuramente ci sarà in quello di Jacqueline Wiles, atleta di venticinque anni di Portland della nazionale statunitense di Sci Alpino che, nel weekend scorso a Garmisch-Partenkirchen, a causa di una bruttissima caduta sulla Kandahar nel tentativo di rientrare in gara ha subito la rottura del legamento crociato, una frattura al perone, e una frattura al piatto tibiale della gamba sinistra che la costringeranno a saltare obbligatoriamente l’appuntamento a PyeongChang per i Giochi Olimpici invernali.

In momenti come questi è facile e scontato vedere tutto nero ma, la forza di queste atlete, sta nella caparbietà e nella determinazione di non mollare davvero mai di un centimetro in una disciplina dove, spesso e volentieri, gli esami medici non danno i responsi che chiunque si auspicherebbe dopo alcune cadute.

Ma siamo pressoché certi che il volto gentile e sempre sorridente di Jacqueline possa ritornare al più presto ai cancelletti di partenza con tutta la voglia e la determinazione possibile ed immaginabile e di questo, non c’è alcun minimo dubbio.

Discesa Libera fa un grandissimo in bocca al lupo a Jacqueline Wiles mandandole un grande abbraccio certo che, presto, la rivedremo dove merita di essere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.