Privacy Policy Cookie Policy Presente e futuro azzurro: comincia a brillare la stella Alex Vinatzer - Discesa Libera

Presente e futuro azzurro: comincia a brillare la stella Alex Vinatzer

Da: https://www.oasport.it/2019/02/sci-alpino-alex-vinatzer-ce-la-consapevolezza-di-fare-una-bella-gara-giuliano-razzoli-me-la-voglio-giocare/

A Bolzano, il 22 settembre del 1999, è nato uno dei talenti del futuro sci alpino internazionale che in questa stagione 2018/19, sta facendo vedere tutta la sua forza.

Alex Vinatzer già dagli esordi giovanili e in Coppa Europa, aveva lasciato chiaramente intendere di possedere all’interno del suo bagaglio tecnico qualcosa di veramente speciale; dedito all’ambito tecnico ergo slalom speciale e slalom gigante, l’attuale 19enne nativo del Trentino Alto-Adige lavorando duramente ha costantemente migliorato la sua esecuzione sugli sci cominciando la sua dura semina in modo tale da ottenere un raccolto in prospettiva estremamente rilevante e, già da ora, cominciamo a cogliere i primi frutti del suo impegno.

Il 2017 di Alex è stato l’anno degli esordi: arriva quello in Coppa Europa il 9 gennaio a Davos in gigante, mentre in Coppa del Mondo il luogo è la fredda Levi in terra finnica il 12 di dicembre; nel 2018 arriva la prima grande affermazione con la conquista della medaglia d’argento ai Campionati del Mondo juniores di Davos in slalom speciale, anno estremamente rilevante visto che il 30 novembre conquista il primo successo in Coppa Europa a Levi luogo che, come detto, aveva visto il suo esordio nel circuito intercontinentale.

Se il 2017 è stato l’anno degli esordi, il 2018 quello dei primi passi, il 2019 ha cominciato a dare le prime indicazioni su questo giovane sciatore promessa dello sport italiano: ai recenti Campionati del Mondo di Åre, in Svezia, si porta a casa la medaglia di bronzo nel team event regalando assieme ai suoi compagni di squadra una soddisfazione enorme alla spedizione azzurra mentre ieri, con una prestazione mostruosa sia in prima che in seconda manche, davanti al pubblico di casa ai Mondiali juniores in Val di Fassa vince il titolo del mondo in slalom speciale dopo l’argento arpionato lo scorso anno.

La progressione di Alex è stata impressionante sia nella tecnica che nella mentalità di approccio alle gare: ragazzi con questo talento ne vediamo tantissimi ma solo in pochi, i migliori, a questa giovane età, possono vantare un palmares seppur juniores di codesto tipo: la ricetta è vincente ma affinché si possa avere un risultato notevole occorre lasciare il ragazzo libero da pressioni in modo tale far sbocciare tranquillamente e soprattutto, gradualmente, tutto il suo potenziale; cominciare a fare paragoni scomodi non è soltanto inutile ma anche gravoso per chiunque, figuriamoci per un ragazzo di 19 primavere seppur forte come Alex.

Quella di Vinatzer è una occasione davvero importante per i nostri colori, una occasione fondamentale che detiene dentro di sé possibilità concrete per regalare al settore tecnico maschile, attualmente in difficoltà, una nuova gemma con l’auspicio che possa scrivere pagine importanti nello sci alpino.

Benvenuto tra i grandi Alex, il meglio viene sempre dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.