Privacy Policy Cookie Policy Meta Hrovat: il futuro dello sci alpino sloveno (E non), potrebbe essere adesso - Discesa Libera

Meta Hrovat: il futuro dello sci alpino sloveno (E non), potrebbe essere adesso

Photocredits: author pleclown – This image was originally posted to Flickr by pleclown at https://flickr.com/photos/69580825@N04/24991086462. It was reviewed on 22 February 2016 by FlickreviewR and was confirmed to be licensed under the terms of the cc-by-sa-2.0.

Quando pensiamo alle atlete emergenti nella nuova generazione femminile dello sci alpino, i primi nomi che vengono in rilievo sono quelli di Marta Bassino, Alice Robinson, e Nicol Delago considerando che, la stagione che ci siamo da poco lasciati alle spalle, ha sancito una prima loro consacrazione attraverso successi e primi traguardi stabilmente all’interno delle top 10 e 5.

Oltre queste, un nome che stuzzica e molto la fantasia di appassionati e addetti ai lavori alla voce “future certe promesse”, è indubbiamente quello di Meta Hrovat. Classe 1998 e nativa di Radenci, un piccolo centro in collina della Slovenia settentrionale, Meta negli ultimi tempi ha lavorato duramente per fare il salto di qualità e, recentemente, sta cominciando a raccogliere i primi gustosi frutti del suo alacre raccolto.

Atleta tecnica e allo stesso tempo notevolmente veloce, col tempo è stata in grado di affinare la sua classe cominciando a confermare le attese che sono sorte vedendola all’opera in ambito giovanile dove è riuscita a centrare la bellezza di ben tre titoli iridati juniores nella gara a squadre a Sočil/Roza Chutor 2016, in slalom speciale a Davos nel 2018, e nello slalom speciale nella nostra Val di Fassa lo scorso anno, oltre a 2 argenti in combinata ad Åre 2017, e nello stesso segmento di gara ma a Davos nel 2018.

Quando ti affacci al circuito maggiore con un simile biglietto di prestazione, è logico che le attese cominciano ad essere spasmodiche e notevoli considerando che la sensazione che sia abbia davanti una atleta dal futuro assolutamente brillante è davvero forte; quest’ultima parola è assolutamente corretta nel corredo di Meta Hrovat che nel 2017 brucia subito le tappe nel circuito continentale di Coppa Europa andandosi a prendere due successi entrambi in gigante ad Hajfell e ad Andalo nel mese di dicembre.

E’ nel 2018 che si vede la sua prima apparizione nel podio nel circuito intercontinentale maggiore dove sempre in slalom gigante a Lenzerheide arpiona l’ultimo gradino disponibile concludendo terza. L’anno dopo ai Mondiali di Åre 2019, suo esordio iridato, è stata 22ª nello slalom gigante e non ha completato lo slalom speciale; il 20 febbraio dello stesso anno si è aggiudicata la medaglia d’oro nello slalom speciale ai Mondiali juniores disputati sulle nevi della Val di Fassa: il secondo podio in Coppa del Mondo arriva lo scorso febbraio a Kranjska Gora sempre nel suo amato gigante a pari merito con Wendy Holdener.

Meta Hrovat è riuscita negli ultimi tempi davvero a migliorare tantissimo la sua tecnica di base e fisicamente ha fatto un lavoro notevole per alzare l’asticella e proiettarsi definitivamente nelle posizioni che contano nello sci alpino: la sensazione è davvero che si abbia davanti un’atleta davvero notevolmente importante, che ha tutte le carte in regola per raggiungere traguardi notevoli e dar battaglia all’interno di segmenti di gara dove atlete come Federica Brignone e Mikaela Shiffrin negli ultimi anni han fatto segnare pagine, e che pagine di storia, notevolissime.

Con l’addio di autentiche veterane come Haver-Loseth, Weirather, le sorelle Fanchini, Anna Veith, la nuova generazione di sciatrici può cominciare davvero a fare la voce grossa ed inserirsi nelle posizione di vertice accanto a dominatrici autentiche come quelle che si sono menzionate nel precedente capoverso.

Nel caso di Meta, davvero, il futuro potrebbe essere già adesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.