Privacy Policy Cookie Policy Profili élite per la prossima stagione: Wendy Holdener - Discesa Libera

Profili élite per la prossima stagione: Wendy Holdener

This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license – Author: Rolandhino1

Silenziosa, forte, efficace, determinata, vincente. Le cinque caratteristiche primarie di Wendy Holdener rendono la stessa una sciatrice di primaria importanza oramai da anni e che si appresta ancora una volta a partire nelle primissime posizioni ai nastri di partenza della importante stagione che fra un pò di mesi vedrà il semaforo verde e che contemplerà nel suo interno anche l’appuntamento olimpico.

Wendy, come spesso abbiamo scritto tra l’altro all’interno di questo spazio, è senza ombra di dubbio tra i talenti più puri cui abbiamo avuto modo di osservare ed apprezzare nel corso di questi anni; polivalente, veloce e precisa, ti dà sempre la sensazione una volta che fai il tempo e ancora lei deve scendere, di non essere mai al sicuro in quanto è in grado di tirar fuori la prestazione maiuscola grazie alla sua grande capacità di adattamento sia sulle nevi più soffici che sui fondi più duri.

La 28enne di Unteriberg è sempre stata maggiormente a suo agio più nelle gare secche anziché in senso continuo nel circuito di Coppa del Mondo: Wendy infatti vanta un palmares di enorme prestigio vantando il titolo olimpico nella gara a squadra ottenuto in Corea n 2018, rassegna asiatica che le diede anche l’argento in slalom e il bronzo in combinata, mentre per quanto concerne le rassegna iridate si è messa al collo ben 3 medaglie d’oro, due in combinata e una al team event, e un argento in slalom. La regina della combinata sta quindi lavorando alacremente questa estate sia sul piano fisico che tecnico per cercare di aumentare gli acuti che sin qui ci raccontano di sole 3 vittorie in ben 41 podi, raccogliendo meno di quanto avrebbe meritato considerato l’assoluto valore di questa enorme campionessa.

Il carattere di Holdener ci parla di una ragazza estremamente positiva ma allo stesso tempo determinata e grintosa come poche altre al mondo, che non si ferma mai e a prescindere dal risultato metabolizza immediatamente il tutto per volgere lo sguardo alla gara dopo in seno ad un amore sportivo che l’ha vista trionfare sin dalle categorie juniores.

Un amore che la spingerà ancora più lontano nei prossimi mesi e che, siam certi, le permetterà ancora di centrare i suoi sogni scrivendo delle belle pagine di storia con gli sci ai piedi guidati dal suo talento e dalla voglia di vincere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.