Lara Gut-Behrami vede la sfera di cristallo più nitidamente

Autore: Krzysztof Golik 

Lara Gut-Behrami con il successo odierno in discesa libera sulla “sua” Crans Montana mette decisamente una pesantissima ipoteca sulla Coppa del Mondo generale di sci alpino: l’elvetica dà una severissima lezione a tutte le avversarie e pone in essere una vittoria pesantissima che la proietta nel rettifilo finale che potrebbe regalarle la seconda sfera di cristallo dalla consistenza più rilevante.

Una gara dominata da Lara che continua nel suo momento superbrillante tornando a trionfare in questo format di gara dopo il successo nel gennaio del 2022 ad Altenmarkt: gara realizzata senza non poche tortuosità considerando che nella parte finale del tracciato è stato anticipata la linea del traguardo a causa di problemi di alte temperature. Una Gut-Behrami assolutamente precisa e solidissima che nonostante qualche incertezza finale porta a casa un meritatissimo successo davanti al’austriaca Cornelia Huetter e la compagna di squadra Jasmine Flury: con questo successo la stessa allunga in classifica overall contro Shiffrin ferma ancora per infortunio presentando 1314 punti contro 1209 della statunitense.

Ma non è solo Gut, perché la compagine rosa della nostra nazionale mette in risalto una bellissima prestazione a partire da una gradnissima Laura Pirovano che chiude a soli 30 centesimi dalla vincitrice concludendo ai piedi del podio nella casella numero 4 bissando il suo miglior risultato in carriera tre anni fa sempre qui a Crans Montana; dopo Pirovano quinta piazza per Marta Bassino che accusa un gap di 38 centesimi, e poi Federica Brignone sesta a 46 centesimi con un podio che poteva essere alla sua portata se non fosse stato per un bruttissimo errore a praticamente poche porte dal traguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *