Privacy Policy Cookie Policy Sci Alpino Archivi - Discesa Libera

Kristoffersen and Van Deer together next year?

Author: Skirenn i Trysil – This file is licensed under the Creative Commons Attribution 2.0 Generic license.

Exactly one week ago, we have talked about the new Hirscher’s project: the new ski brand, Van Deer, personally managed by King Marcel and his family; roughly some hours later after that post, on internet it came out the rumour that Henrik Kristoffersen, the historical rival of Hirscher on the track for many years in the white intercontinental circuit, had done a some steps to joining in the next season with this new ski.

By the way, nowadays, there isn’t any official statements and obiouvsly until there’ll be this last one, we’re talking about just a “pour parler”, but this is a such important news because this chatting start to be interesting not just for the switching that for the norway athlete will be unbelieveble, but also for the dinamics into the “white circus” that, inevitably, would change. And a lot.

With Kristoffersen, Marcel Hirscher since his first year as a “constructor”, would present to the world his skis with one of the most important skier in the world, an authenic champion, true champion, and an advertising to all of us that this new ski’s factory wants absolutely act up a first actor role immediately. If Henrik will change his currently skis, Rossignol, for Van Deer will be for sure because this materials can gives him the tools to catch up the pre-established goals that always have always one and only one common denominator, victory.

As well as Kristoffersen, this join might be an authenic strong attractive for other athlets even di first level, so for Hirscher this “engangment” would traduce in a turning point at year zero, but maybe we keep to travel too soon actually, nowadays there isn’t any sign by Henrik, but talking about that it’s a very important think to do.

So, we wait and see that will happen but, for sure, in case this is one of the most important moves within in a chessboard that could trigger a top-level dominance effect into the ski alpine world.

Van Deer: the new Hirscher’s frontier

When a Champion (In this case a truly, Real, Champion), decides to hung up his skis on the wall, for sure he won’t stand by and watch for long time, but he’ll set his future outside at the same mood how he’ve led his career on the track and, when we talking about Marcel Hirscher, the entertainment is soon assured.

When in the last season we’ve seen King Marcel as forerunner in Kitzbuhël, beyond the real pleasure to see him again on the snow and beyond the awareness that event was also coordinated by the presence of a series of sponsors, the sensation was which Marcel, for his passion that made to become him the greatest alpine skier of all time, had in store something of important. And the premises of the eve were soon confirmed.

Since the last months when the new line of skis produced personally by Marcel Hirscher were launched on the market, they did a large noise that eveyone has heard loud and clear; when the GOAT, after his goodbye to Atomic, chip in this sector, the news is one to be explored in detail. The goal of Marcel is the same: win the World Cup, this time through the materials on the feet of his athlets.

An elegant logo with a deer, and tests which are goes so well during their first impact on the snow. Moreover since the first half of April, there was the first athlete which joined to the new Hirscher’s factory, and he’s Charlie Raposo, British ski alpine athlete who will be the first in the next world cup season. During the time, for sure, many other athletes’ll join with Van Deer, mostly if the impact will be positive.

Obiuvsly, everyone would have preferred to see Marcel again on the snow, but he always had clarify that he wouldn’t be back on track, but also this will be a fascinated chapter of his life that all of us will admire; we don’t find out nowadays the mentality of this champions, it’s absolutely the same even whareas in the other side of the track. When Hirscher (And certainly his family) does something, this last one will be done good. Win again and again, and time after time we’re pretty sure that his work will get fruits.

Looking forward: Aline Danioth

Author: pleclown – This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic license.

How will the next season be for Aline Danioth? Within the environment of alpine skiing, too little often we speak about the talent of this young athlete; and it’s a real shame because Aline despite having had an unbelievable unlucky for a lot injuries during the last years, she’s always found the force for uprising herself through a large dose of courage and determination, believing to be able to do it always and in any case without ever straying from the path that leads to realization of our dreams.

Five injuries in four years would have put KO everything, in particularly after the serious accident during the parallel in Sestriere where her left knee knocked out, the but if you own an authentic iron’s tempre you can absolutely looking forward with much confidence for the next months and for the future; these skills are part of the talent’s baggage of this amazing skier. Surgery, riabilitation, and then a large willpower that has conducted her again on the road to grow in condition, achieved a good results during the last season.

World Champions in the Team Event during the World Championship in Are in 2019 with her National Team, Suisse, Aline since her debuts has demonstrated her skills achieved 5 juniors medals in World Championship, 3 gold, and two respectively silver and bronze uniforms between fast and techy surfaces, highlighting a good relationship with the snow and the competitions.

The last year she came back in particularly in Europe Cup, and this return was with a blow up of performance: four overall victories in special slalom divided on three victory in Genuary with the back-to-back in front her fans in Meringen / Hasliberg in special slalom in two days, the victory in Zeel am See again in Switzerland, and then in March the victory in Soldeu with a overall where she has closed in the second position preceded by the Austrian skier Franziska Gritsch. This puts in evidence the fact that we, about Aline, despite the good results as we said before, we might not have seen nothing; as a matter of fact, this tells us that for the next season the bases are on.

For her it was a large injection of trust, a new start for her career and, certainly the awareness to be able to compete for many and more important objects for the incumbent future; within a national with a large amount of talent like a Suisse Ski Team with Lara Gut-Behrami, Corinne Suter, Wendy Holdener, even Aline Danioth could be an further arrow in the quiver of this amazing group as well as.

We are pretty sure that her may build a deeply and bright future through her undoubted quality; she deserves this and much, much, more. And it will come for sure, because who believe in their dreams, often end up making them come true. And Aline has just started to do this.

The right way for the greatness: Corinne Suter

Author: Jacopoghi
This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license.

During the career of the athletes, it’s possible to witness constant changes and evolutions; this happens regularly regardless if we’re talking about ski, football, motorsport etc. In this specific case, the progression signed by Corinne Suter, is one of the most important talent we have admired in the field of winter sports and, specifically, inside the women’s alpine skiing.

Since after the Olympics Games in PyeongChang in 2018, the career of the 27-year-old native of Svitto in Switzerland, is continued to grew step by step through an unbelievable work under the point of view physical and technical: since the year 2019, Corinne has demonstrated to have raised the bar hitting the silver medal in downhill and the bronze medal in super-g during the World Championship in Are.

A first extremely important signal, which found out continuity even in World Cup through important high notes with the first podium in Crans-Montana in downhill with the third place, and the fist victory in Altenmarkt-Zauchensee in the same speciality. The year of consecration was the following, the 2020, where Corinne won the crystal ball of downhill and that of super-g, to prove the fact that the speed of ski alpine had found an important gem in the landscape of the various talents which look out year after year spite a very complicated period of time for all of us for the pandemic.

In 2021, it continued her feeling with the World Championship: indeed, in Cortina d’Ampezzo, she won this time the gold medal in downhill, the silver medal in super-g, and in the last season during the Olympics Games in Beijing, she’s graduated Olympic Champion in downhill then go on to achieve the second place in the classification of World Cup of speciality of downhill won, as we all know, by our Sofia Goggia.

We’re talking about an impressive talent, of a persone extremely kind and determinated in and out of the track that knowing the right way to grow for catch up the next goals of t of a career that is still far from reaching its peak, considering the incredible room for improvement of this girl born in 1994. who is the main opponent of our diamond tips of the Italian nation. It’s so beautiful the abnegation with which she manages to give her best in these years, not only in every race but also in every training, in every session, in every test, which for her translate into something that goes beyond a job or a preparation, because for Suter it always represents an opportunity to demonstrate to herself that it can go farhter. For improving her skills. Again and again.

A beautiful sunshine for the ski alpine e for all the fans which following with passion this amazing sport and her aware that, the best, is yet to come. And talking about Corinne Suter, this is the perfect explanation as things stand.

Il nuovo binomio Liensberger Magoni

Che Katharina Liensberger sia uno dei talenti più puri dello sci alpino femminile contemporaneo, è una notizia abbastanza nota a tutti sin dalla stagione 2020/2021 dove la giovane austriaca incantò il mondo realizzando un autentico rimescolamento di carte tra le grandi favorite del circuito internazionale, attraverso la sequela di successicon in Coppa del Mondo, e la splendida impresa iridata in quel di Cortina d’Ampezzo dove andò a vincere sia l’oro in slalom che quello in parallelo; la stagione che si è conclusa invece poco più di un mese fa doveva consacrarla stabilmente ai vertici dello sci mondiale, invece è stata per la prima parte avara di successi per poi andare ad accelerare nella parte finale attraverso il successo ad Arezzo ma, soprattutto, con la vittoria dell’oro olimpico a Pechino nel team event cui si affianca l’argento tra i paletti stretti.

Da qui la convinzione che, magari la classe 1997 nativa di Feldkirch, sia un’atleta più letale nelle gare secche anziché nelle corse a tappe, e da qui probabilmente è sorta l’esigenza di compiere l’ultimo step per la sua crescita attraverso l’annuncio della collaborazione tra lei e Livio Magoni, che la seguirà personalmente a partire dalla prossima stagione.

Magoni, si sa, non ha bisogno di presentazioni considerando il suo enorme lavoro in questi anni non soltanto con l’Italia ma anche con atlete del calibro di Maze, Vlhová, e Hrovat che ha seguito nell’ultima stagione. Il tecnico italiano aveva in questi giorni già accettato l’incarico di essere parte integrante dello staff austriaco femminile in merito al settore tecnico. Ampia soddisfazione da parte della Liensberger che su Instagram esprime tutta la gioia tramite queste parole: “sono davvero felice dell’accordo con Livio Magoni, un allenatore di assoluto successo che sarà al mio fianco. È un grande onore per me lavorare con lui, sono grata per la sua fiducia. Insieme vogliamo migliorare la mia tecnica e fare un percorso di successo, attendo con ansia questa collaborazione”.

Un cambio di passo certamente importante per la portacolori austriaca, ma anche un lavoro di sicuro entusiasmante che si affaccia nell’immediato per l’allenatore bergamasco, che adesso ha la grande possibilita di far fare un ulteriore salto di qualità ad un altro prodigio che passa sotto le sue grandi doti di allenatore il quale, stavolta, avrà dinnanzi alla sua cognizione una atleta con ancora enormi margini di miglioramento che potrebbero condurla al perseguimento di quelli che sono gli obiettivi che sogna e per cui lavora già da tanti anni nonostante la sua giovane età.

La pista sarà, come sempre, il giudice sovrano per l’emissione dei relativi verdetti, quel che è certo però è che sulla carta questo binomio potrebbe rappresentare un punto di svolta super tra i due, e Katharina per certo è assolutamente pronta a mostrare al mondo quanto è in grado di far ancor di più per lo sport che ama e che è pronta ad accoglierla ancor di più verso nuove sale di successi.

Azzurri ancora al lavoro per gli ultimi allenamenti della stagione a Livigno

La stagione oramai è terminata da circa un mese e le porte dell’estate cominciano ad affacciarsi sulla nostra vista, ma sulle nevi italiane c’è ancora margine si lavoro per una serie di allenamenti per gli atleti della nazionale azzurra di sci alpino specificatamente quella del gruppo di Coppa del mondo.

Nella splendida ed incantevole sede di Livigno, una delle più belle e sublimi località del nostro stivale, da oggi e sino a sabato 23 aprile ci sarà spazio per la velocità con in pista la presenza dei nostri Pietro Zazzi, Nicolò Molteni, Christof Innerhofer, Guglielmo Bosca, Matteo Marsaglia ed Emanuele Buzzi.

Come da nota FISI, oltre ai summenzionati ci saranno anche alcuni specialisti delle prove tecniche i quali però, a differenza dei velocisti, rimarranno a Livigno un giorno in più ergo sino a domenica 24 per continuare con gli ultimi allenamenti della stagione: essi sono Alex Vinatzer, Simon Maurberger, Tommaso Sala, Giuliano Razzoli, Stefano Gross, Giovanni Franzoni e Filippo Della Vite.

Courchevel / Méribel 2023: già diffuso il calendario della prossima rassegna iridata di sci alpino

Le stagioni degli sport invernali sono terminate da poco meno di un mese, ma già è tempo di volgere lo sguardo al domani e infatti la FIS ha diramato il calendario della prossima rassegna iridata di sci alpino che si terrà nelle cornici di Courchevel e Méribel, in territorio francese, e che rappresenteranno nella prossima stagione il fiore all’occhiello assieme al circuito della Coppa del Mondo.

I titoli da assegnare saranno ben tredici dove, accanto alle prove classiche in settore tecnico e in settore veloce, vi sarà anche la presenza in trittico del parallelo: per dare più visibilità a questo format sempre spesso controverso, sono stati inserite la prova maschile, quella femminile, e il team event.

Quarta tornata per il vessillo francese per quello che riguarda i Campionati del Mondo di sci alpino, infatti in precedenza abbiamo ammirato gli atleti in questo format internazionale nel 1937 e 1962 a Chamonix, e nel 2009 a Val d’Isère. Ecco nel dettaglio il calendario completo dove si partirà con la combinata:

Lun. 06/02/23 – Meribel – Combinata femminile – ore 11.00
Mar. 07/02/23 – Courchevel – Combinata maschile – ore 11.00

Mer. 08/02/23 – Meribel – Supergigante femminile – ore 12.00
Gio. 09/02/23 – Courchevel – Supergigante maschile – ore 12.00

Sab. 11/02/23 – Meribel – Discesa femminile – ore 12.00
Dom. 12/02/23 – Courchevel – Discesa maschile – ore 12.00

Mar. 14/02/23 – Meribel – Parallelo maschile e femminile – ore 13.00
Mer. 15/02/23 – Meribel – Parallelo a squadre – ore 13.00

Gio. 16/02/23 – Meribel – Gigante femminile – ore 10.00
Ven. 17/02/23 – Courchevel – Gigante maschile – ore 10.00

Sab. 18/02/23 – Meribel – Slalom femminile – ore 10.00
Dom. 19/02/23 – Courchevel – Slalom maschile – ore 10.00

La forza della conferma griffata Lucas Braathen

Author: Author Vintererbest – This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license.

Fabrizio Caramagna scrisse: “tieni. Accarezza questa certezza. Toglierà ogni ansia alle tue attese.”

Sebbene nel finale di stagione Henrik Kristoffersen gli ha tolto la soddisfazione della sfera di specialità tra i paletti stretti, che per lui sarebbe stata la prima in assoluto, Lucas Braathen, autentico prodigio della nazionale norvegese di sci alpino, può bypassare la delusione portandosi con sé un carico di conferme incredibili che in prospettiva sono destinate a fare la voce grossa in un segmento maschile in ascesa grazie a tanti nuovi talenti che stanno emergendo anno dopo anno e di cui lui fa parte.

Il nazionale norvegese di origini brasiliane quest’anno ha dato prova di essere in possesso di enormi qualità tecniche che il recente infortunio non ha minimamente sminuito, anzi, è anche riuscito a raffinarle intraprendendo una stagione assolutamente fantastica mettendo a segno degli acuti che di fatto hanno reso incerta sino alle finali francesi la stagione tecnica, in un settore che ancora cerca un dominatore totale dopo l’eredità di Marcel Hirscher.

Può essere lui? Difficile a dirlo, ma alla corsa si può tranquillamente dire che abbia preso la prima fila. Lucas aveva incantato tutti all’inizio della stagione 2020/21 quando all’opening, ha conquistato a Sölden in slalom gigante la prima vittoria, nonché primo podio, in Coppa del Mondo. Sembrava il preludio di un qualcosa di super, ma l’8 gennaio 2021, durante il gigante sulla pista Chuenisbärgli ad Adelboden, una rovinosa caduta proprio al traguardo gli procurò la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro e del piatto tibiale; ciao alla stagione ma la mano non ha mai salutato la forza di volontà, che è sempre rimasta ben impressa e lo ha fatto letteralmente recuperare al top.

Quest’anno infatti ritorna e incanta volando sulle piste disegnando classe e risultati notevoli: la seconda vittoria in carriera nel prestigioso slalom di Wengen il 16 gennaio scorso davanti a Yule e al nostro Razzoli, il secondo posto a Kitzbuhel sempre tra i paletti stretti, la stessa piazza stavolta condivisa con il campione della generale Odermatt nel gigante di Kranjska Gora, un risultato che prende anche nella finale di Meribel sempre in gigante battuto soltanto dallo stesso campione elvetico.

Dei risultati meravigliosi che denotano la ripresa di questo atleta destinato a fare grandi cose per sé stesso e per questo sport, con grandi doti fisiche e tecniche cui raramente siamo destinati ad assistere. Se questo è il preludio a una storia incredibile questo lo dirà soltanto la pista, ma se le premesse sono queste beh, signore e signori miei, mettiamoci comodi perché potremmo essere davanti a qualcuno in grado davvero di saperci fare emozionare come pochi, attraverso due sci ai piedi che racconteranno di imprese memorabili.

Le basi per il successo che verrà: una garanzia di nome Alice Robinson

Mentre nel tennis si abbattono come degli autentici cicloni le figure di Iga Swiatek, 21 anni, nel circuito WTA al primo posto nel ranking e di Carlos Alcaraz in quello ATP ieri fresco vincitore a 18 primavere del Masters1000 di Miami (Lo stesso vinto dalla polacca che fa il paio con Indian Wells) con tanto di best ranking alla casella numero 11, nel nome del rinnovamento e delle nuove generazioni anche nello sci i nomi abbondano in questo senso e, quello della neozelandese Alice Robinson a 20 anni, è sempre quello sulla creste delle onde nel mare dei talenti infiniti che oggi popolano l’ambito alpino.

Poniamo bene l’accento sull’aspetto anagrafico, 20 anni; non bisogna caricare di troppe aspettative i giovani talenti trasformandoli in fuoriclasse già alle prime gare vinte appena si intravedono i piccoli segnali di forza. Alice l’avevamo ritrovata dopo l’infortunio, a Lenzerheide nel 2021 a tornare a vincere il suo terzo gigante nel massimo circuito di Coppa del Mondo con tanto di podio sfiorato agli ultimi Campionati del Mondo di Cortina d’Ampezzo 2021 chiudendo al quarto posto nella prova di slalom gigante, lasciando preannunciare una futura stagionale entusiasmante, dove però purtroppo non è arrivato nessun podio in Coppa del Mondo e ai XXIV Giochi olimpici invernali di Pechino 2022, non è riuscita negli acuti sperati finendo  25ª nella discesa libera, 22ª nello slalom gigante e senza completare il supergigante.

È incredibile l’atteggiamento dei commenti nei confronti degli sportivi quando i risultati non arrivano, si passa da un estremo all’altro senza alcun tipo di ragionamento logico rischiando davvero di far precipitare una situazione che grave non è per niente al mondo. Alice Robinson, nel caso specifico, a 20 anni ha già mostrato quelle che sono delle capacità fuori dalla norma nelle prove che ha intrapreso, una forza della natura incredibile sprigionata con una sciata di pura potenza che, come un fulmine, si abbatte contro le nevi più prestigiose del mondo.

Sicuramente Alice ha dei margini di miglioramento assolutamente impressionanti che, se levigati bene giorno dopo giorno, potrebbero seriamente consentirle di togliersi delle infinite soddisfazioni creando qualcosa di molto importante per se stessa e per questo fantastico sport. Ma ci vuole tempo, e bruciare le tappe non è spesso sinonimo di tutto e subito. Anche i più grandi campioni hanno avuto la loro fase di apprendistato, e ognuno deve rispettare il proprio percorso il quale, se seguito alla perfezione, può condurre a strade inequivocabilmente gloriose come potrebbero essere quelle percorse da questa straordinaria atleta.

Alice ha posto prima degli altri delle basi incredibili, da quel successo di Soelden nel 2019 a soli 17 anni abbiamo visto davvero una luce abbagliante che potrebbe essere un trailer di ciò che vedremo, ma occorre lasciarla tranquilla e farla lavorare al meglio come sta facendo. Le basi sono state gettate e adesso mattoncino dopo mattoncino spetterà a lei seminare prima e raccogliere dopo i frutti del suo lavoro. Alla fine quest’ultimo paga sempre, e i risultati sul campo sono il giudice supremo che chiude i commenti e lascia solo lo spazio alla storia.

Oggi e oltre il domani per Marco Odermatt

Marco Odermatt vincendo la Coppa del Mondo generale di sci alpino, non solo è andato a concretizzare pienamente quello che è il suo lavoro che da più di 2 anni sta conducendo per certificare le proprie prestazioni ai massimi livelli ma, parimenti, immette nel circuito un serissimo monito per il futuro in quanto possedente tutte, ma proprio tutte, le carte in regola per scrivere veramente la futura storia di questo sport.

Senza andare nello specifico di questa stagione e dei suoi numeri incredibili che in lungo e in largo abbiamo avuto modo di raccontare e che testimoniano l’incredibile lavoro di questo straordinario atleta, c’è da affermare che dopo tanto tempo che si è andati alla ricerca di qualcuno che potesse prendere per mano questo sport al maschile nel post Hirscher, per la prima volta da quest’anno si ha la sensazione che con Odermatt si possa iniziare ad abozzare ragionamenti di questo tipo.

La regolarità dell’elvetico unita alla sua polivalenza e alla capacità di lettura in via ottimale delle piste che va a calcare e spesso a dominare, rappresenta davvero un punto di forza impressionante all’interno di una sciata praticamente unica dove riesce sempre ad essere veloce e preciso allo stesso tempo. Senza sottovalutare l’età verde dell’atleta in questione che denota impressionanti margini di miglioramento, Odermatt già guarda al domani e può permettersi di farlo da una posizione di indubbia forza non dal N1 che avrà all’inizio della prossima stagione, ma dalle peculiarità che lo contraddistingueranno domani oltre che oggi.

Vi invitiamo a vedere il video sotto il titolo di questo post per capire di più sulle caratteristiche di Odermatt, a cura del Maestro Andrea Tibaldi per Lo Ski Bum che racconta nel dettaglio di Marco al massimo, di quanto esso abbia portato innovazione all’interno di questo mondo, e di come in futuro potrà incidere in merito sempre con il sorriso sul viso, elemento non secondario mai nella vita, che dà qualcosa sempre in più a chiunque sappia affrontare il proprio sport con il sorriso.

Per Marco, il futuro, è oltre domani.