Petra Vlhová fa back-to-back e infila la doppietta sulla Levi Black

Photocredits: Rolandhino1 his own work – On: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Petra_Vlhova_in_action.jpg

Quest’anno scrivi Levi e leggi Petra Vlhová; il ritorno della Coppa del Mondo in modalità slalom speciale propone una slovacca in grandissima forma che, dopo la gara di ieri infila la doppietta e fa due sue a Levi dimostrando oramai l’enorme maturità di questa ragazza che si candida seriamente a una delle protagoniste assolute per la sfera di cristallo generale.

Petra Vlhová conferma le impressioni date ieri nelle vittoria del primo slalom, e anche oggi scia con una determinazione e precisione tali da mettere in fila le sue antagoniste e farle arrendere, a partire da Michelle Gisin, che nella prima frazione aveva chiuso al pari merito della vincitrice e conclude una gara brillantissima in seconda posizione a 31 centesimi di distacco: ancora a podio e ancora un terzo posto per l’austriaca Liensberger staccata di 51 centesimi a dimostrazione di un grandissimo stato di forma ma oggi, contro questa fuoriclasse, c’era davvero ben poco da fare. Si arrendono anche Wendy Holdener che chiude al quarto posto a 79 centesimi e Mikaela Shiffrin che completa i primi cinque a 93 centesimi, ancora alla ricerca di uno stato di forma che certamente non tarderà ad arrivare.

Capitolo Italia: ottime conferme dalla nostra Irene Curtoni che finisce la sua gara in ottava posizione a 1’22 dalla vetta e dà ottime speranze per i nostri colori anche in ambito slalom per una vittoria che manca oramai in questo segmento di gara per i colori rosa da tantissimo tempo, 24ma Federica Brignone, mentre va purtroppo out Marta Bassino che inforca e deve abbandonare la sua discesa tra i paletti stretti.

Per Vlhová si tratta del terzo acuto sulla Levi Black, il secondo come detto di fila, e fa segnare la sedicesima vittoria in Coppa del Mondo, la nona in slalom speciale per quella che è oramai una grande certezza a livello internazionale dello sci alpino che accoglie, nel suo novero, una enorme realtà con una prospettiva davvero importante che sarà capace di tener testa alla Shiffrin appena tornerà ai suoi livelli stratosferici. Il guanto di sfida in terra lappone, è stato già lanciato.

Il prossimo appuntamento con lo sci alpino è previsto a Lech / Zeurs dove si recupererà il parallelo rinviato due settimane fa per assenza di neve e previsto adesso per le giornate di giovedì 26 con la gara femminile, e venerdì 27 con quella maschile; oramai lo spettacolo alpino, è entrato pienamente nel vivo.

Petra Vlhová è tornata: il primo slalom di Levi è suo

Photocredits: Rolandhino1 his own work – On: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:FIS_Alpine_Skiing_World_Cup_in_Stockholm_2019_Petra_Vlhova_21.jpg

Levi non tradisce le alte aspettative alla voci spettacolo ed emozioni, e va a regalarci entrambi i fattori dopo una gara assolutamente fantastica che segna il ritorno dello sci alpino dopo l’esordio austriaco di un mese fa, e lo realizza attraverso il trionfo di Petra Vlhová che completa uno splendido sabato in Finlandia sciando al massimo sia in prima che in seconda frazione. La slovacca vince per la seconda volta in questa pista dopo il 2017 e fa segnare la quindicesima vittoria in Coppa del Mondo, l’ottava in slalom speciale e fa terminare la striscia di vittorie qui per “Her Majesty”, Mikaela Shiffrin, che chiude seconda con la sensazione di non essere ancora al top della sua condizione con un distacco di 18 centesimi dalla sua rivale, mentre la Liensberger chiude al terzo posto e completa il podio, luogo che ha già assaporato per tre volte già nella sua giovane carriera.

Posizioni che rimangono quindi cristallizzate in ottica podio con la prima manche, con una classifica finale che piazza al quarto posto la Holdener a 1’35, e Gisin al quinto a 1’41 a completare le prime cinque. Migliore delle azzurre Irene Curtoni 11ma a 2.28 autrice di una splendida prima manche che l’aveva collocata alla casella numero 6, grandissima Marta Bassino che conferma le ottime impressioni della mattinata e agguanta la posizione numero 18 ed entra di diritto nella storia dello sci alpino azzurro diventando la prima atleta italiana ad andare a punti in tutte i segmenti di gara di questo magnifico sport chiudendo 18ma, poi ottima prova di Martina Peterlini 20ma guadagnando ben 9 posizioni rispetto alla prima frazione, 29ma Marta Rossetti, mentre purtroppo va out Federica Brignone.

L’appuntamento con il secondo slalom di Levi è previsto per domani sempre alle 10:15 per la prima manche e alle 13:15 per la seconda con una diretta sempre su Raisport ed Eurosport.

Waiting Levi: il ritorno della Coppa del Mondo con le ragazze in territorio finnico

Levi Black – Photocredits by kallerna on https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Levi_Blackview.JPG

Dopo svariate settimane, ecco finalmente che ritorna la Coppa del Mondo di sci alpino con un doppio appuntamento previsto per questo fine settimana, precisamente sabato 21 e domenica 22, con in calendario un back-to-back di slalom speciale a Levi sulla freddissima Levi Black in territorio finnico, i primi dell’anno dopo l’inizio in gigante di Soelden e il rinvio del parallelo di Lech.

Levi è uno dei più grandi comprensori sciistici della Finlandia settentrionale, situato nel comune di Kittilä in Lapponia; il monte Levi ha un’altitudine di 531 metri s.l.m. ed un dislivello di 325 m. Ad una latitudine nord di 67,8° il monte si trova 170 km a nord del circolo polare artico; la pista, la mitica “Levi Black”, è teatro dal 2003/04 della seconda prova stagionale di Coppa del Mondo di sci alpino situata nella città di Kittilä.

Il comprensorio sciistico di Levi comprende 43 piste di sci alpino servite da due funivie, una seggiovia, 14 skilift ad ancora, cinque skilift a piattello e quattro impianti a fune bassa (manovia) per bambini. Il comprensorio include 17 piste illuminate ed a innevamento artificiale. La stagione sciistica inizia a novembre e dura fino agli inizi di maggio. La Black Levi è, dopo la prova “Söldeniana”, un altro banco di prova subito importante per i fautori delle discipline tecniche con una partenza a 438m s.l.m., un arrivo a 258m s.l.m., e un dislivello di circa 180m: alture decisamente inferiori rispetto all’Austria, ma tracciato dove non si può lasciare nulla al caso e dove servirà un’alta padronanza degli sci e della tecnica.

Lo scorso anno tra le donne fu Sua Maestà Mikaela Shiffrin, al rientro in questo weekend, a trionfare precedendo l’elvetica Wendy Holdener e l’austriaca Katharina Truppe, una Mikaela che ha un certo feeling con i paletti stretti made in Finland considerando che qui vanta il record di vittorie, ben 4 ottenute nel 2013, 2016, 2018, e 2019 (Per un totale di cinque podi aggiungendo il terzo posto nel 2012 in una gara vinta dalla tedesca Maria Riesch) e quest’anno va a caccia del three-peat che sancirebbe una supremazia assoluta.

Quindi l’appuntamento per Levi è previsto questo weekend, con i due slalom in programma, sabato e domenica con le prime manche alle ore 10:15 e le seconde ore 13:15 (Salvo sconvolgimenti di programma causa meteo), sempre in diretta su Raisport ed Eurosport1.

Sci alpino: a Levi tra gli uomini ritorno il ruggito di uno strepitoso Henrik Kristoffersen

Henrik Kristoffersen

Mai criticare un Campione oltre il dovuto, perché esso ritorno sempre sul luogo in cui fa la differenza per cambiare la storia e creare un capolavoro.

Dopo la vittoria di ieri in slalom speciale femminile, gli fa eco nella giornata odierna in gara maschile Henrik Kristoffersen sulla Black Levi in Finlandia autore di una seconda manche straordinaria.

Il fuoriclasse norvegese si riscatta dopo la prova opaca di Sölden e timbra la prima vittoria stagionale facendo una seconda parte di gara assolutamente perfetta creando una netta differenza sul muro e subito dopo esso interpretando al meglio una neve scorrevole e indovinando la velocità giusta prendendosi tutti i rischi del caso; scelte che han fatto la differenza e han portato Henrik dove merita, sul gradino più alto del podio.

Per Kristoffersen si tratta della vittoria numero 2 a Levi dopo quella ottemperata nel 2014, nonché la numero 19 in Coppa del Mondo e la 16 in slalom. Alle sue spalle si piazza Noel a soli 9 centesimi di distacco, e completa il podio Yule a 18: chiudono i primi 5 Zenhaeausern e Myhrer: ancora una gara amara per i colori azzurri con Moelgg che chiude decimo, e Vinatzer dodicesimo entrambi a più di un secondo di distacco dalla vetta. Da segnalare una gara anonima per Pinturault che aveva vinto il gigante d’apertura in terra austriaca non si qualifica per la seconda manche.

Nella prima manche Noel aveva dominato la gara andando a precedere Ryding di 39 centesimi (Poi caduto nella seconda manche) e Zenhaeusern di 66, mentre il migliore degli italiani era stato Moellg che aveva chiuso in sesta posizione e da segnalare un ottimo Vinatzer al tredecismo posto e poi via via gli altri.

L’appuntamento adesso con lo sci alpino è previsto per la prossima settimana con un ricchissimo weekend sulle nevi oltreoceano tra USA e Canda sempre in diretta sia su Raisport che su Eurosport: sabato 30 alle ore 15:45 prima manche di slalom gigante femminile a Killington con la seconda alle 18:45, mentre gli uomini saranno impegnati nella prima prova veloce dell’anno a Lake Louise alle 20:15; ricco anche il programma domenicale che si aprirà con lo slalom speciale femminile alle 15:15 con seconda alle 18:45, mentre gli uomini alle 20:15 andranno di scena con il Super-G.

Il vichingo, è tornato a ruggire.

Sci alpino: a Levi a trionfare nello slalom speciale è Mikaela Shiffrin

Il weekend dello sci alpino inizia nel segno di Mikaela Shiffrin che si riscatta dalla sconfitta di Sölden e piazza la prima vittoria stagionale in Coppa del Mondo.

Sulla mitica “Levi Black” finlandese, la fuoriclasse statunitense si riscatta dopo una prima manche non troppo brillante e va a vincere lo slalom nordeuropeo approfittando anche della caduta finale di Vlhová, per fortuna senza conseguenze, che di fatto consegna il trionfo a “Her Majesty”.

Al secondo posto si piazza una ritrovata Wendy Holdener a +1.78 dopo la frattura di qualche settimana al braccio ottemperata in palestra, mentre completa il podio Katharina Truppe, per lei prima volta, che riporta in alto i colori austriaci con un gap di +1.94: chiudono le prime 5 Swenn-Larsson e Haver-Loseth: per le italiane primi punti in carriera per Peterlini unica qualificata per la seconda manche in fatto d’azzurro che si prende la casella numero 26.

Per Mikaela Shiffrin continua la rincorsa ai record con la 61ma vittoria nel circuito intercontinentale, la 41ma in slalom speciale con un feeling con Levi che si rinnova in quanto questo è il trionfo numero 4 sulle nevi finlandesi dopo i successi del 2013, 2016, e quello dello scorso anno nel 2018 per un back-to-back di pregevolissima fattura.

Nella prima manche Vlhová aveva preceduto Shiffrin che chiudeva seconda a 13 centesimi dalla vetta, nonostante alcuni errori della statunitense scesa col pettorale numero 1, e la Truppe staccata invece di 99, mentre per le italiane Peterlini chiudeva ventesima con Irene Curtoni e Lara Della Mea che non sono riuscite a qualificarsi per la seconda frazione di gara.

L’appuntamento con lo sci alpino è previsto per domani allo stesso orario di quello odierno (10:15 prima manche, 13:15 per la seconda) per lo slalom maschile.

Il 59mo valzer di Re Marcel

Hirscher

Battaglia fantastica con Kristoffersen che chiude secondo ancora una volta. Terzo il campione olimpico in carica André Myhrer

Prima prova maschile di Coppa del Mondo edizione targata 2018/19 considerando che a Sölden la gara di gigante fu annullata per cattive condizioni meteo: a Levi, in modalità slalom, la vittoria va ancora una volta a Marcel Hirscher che precede ancora una volta il suo rivale Henrik Kristoffersen di soli 9 centesimi di distacco e si porta a casa la cinquantovesima vittoria in Coppa del Mondo nella sua incredibile e sontuosa carriera; la terza piazza a 1.41 va al campione olimpico in carica André Myhrer al termine di una splendida rimonta che gli ha consentito di recuperare ben 9 posizioni rispetto alla prima manche.

Una gara che rappresenterà sicuramente il leit motiv che, senz’altro e ancora una volta, segnerà pure questa stagione basata per quanto concerne l’ambito tecnico sulla rivalità tra l’austriaco e il norvegese: una rivalità che ha già dato vita ad una gara a dir poco spettacolare tra i due sia nella prima (Differenza di 7 centesimi) che nella seconda (Come detto, differenza di 9 centesimi) ma che si è conclusa con gli allori per il salisburghese che inizia esattamente come aveva terminato nella scorsa primavera, con la vittoria.

Entrambi gli sciatori han dato vita ad un valzer di tecnica e velocità senza esclusione di colpi che ha messo in evidenza la netta differenza tra loro e il resto del gruppo; infatti Myhrer si classifica a più di un secondo e quaranta, mentre una menzione obbligatoria va al transalpino Clement Noel che, dopo una prima manche assolutamente strepitosa conclusa al terzo posto a 38 centesimi di distacco dalla vetta, esce soltanto nel tratto finale di gara della seconda sprecando una splendida prestazione che comunque dice che esso stesso sarà l’outsider principale tra i due fenomeni là davanti.

Prestazione Italiana invece opaca, sintomo che c’è ancora molto da lavorare: il primo degli italiani è Stefano Gross che chiude diciassettesimo, ventiduesimo Maurberger; fuori Moelgg e tutti gli altri.

Gli appuntamenti per la terza tappa di Coppa del Mondo di sci alpino sono previsti per il prossimo weekend: le donne saranno di scena a Killington per un’altra prova tecnica stavolta negli Stati Uniti dove sabato 24 andrà in onda lo slalom gigante (Prima manche alle 15:45, seconda alle 18:45), e domenica 25 lo slalom speciale (Prima manche alle 16:00, seconda alle 19:00), mentre gli uomini alzeranno il sipario per la prima volta in stagione nel circuito veloce dove a Lake Louise sabato 24 alle 20:15 ci sarà la discesa libera, mentre domenica 25 alle 20 il Super-G.

Ecco nel dettaglio la classifica dello slalom odierna:

https://www.fis-ski.com/en/alpine-skiing

44mo acuto di Mikaela Shiffrin: Levi è ai suoi piedi

Shiffrin

A Levi è andata in scena la seconda prova stagionale femminile di Coppa del Mondo di sci alpino e la prima in disciplina slalom che è stata segnata dall’acuto di Mikaela Shiffrin che realizza la quarantaquattresima vittoria in Coppa del Mondo a sole 23 primavere: nessuno come lei.

Dopo una prima manche dove l’americana era andata in testa pur senza comporre un dominio cui eravamo abituati chiudendo con soli 14 centesimi di vantaggio dalla campionessa olimpica svedese Frida Hansdotter (Che chiude con un deludente quarto posto a 1.31), nella seconda frazione ha condotto una gara praticamente perfetta sancendo l’ennesimo trionfo nella sua straordinaria carriera; la fuoriclasse del Colorado sia sul ripido che sulla parte più tecnica (Soprattutto nelle parallele, dove ha messo in mostra la sua sublime classe) ha sciato con estrema serenità e sta cominciando già da ora a mettere in chiaro le cose in previsione di una stagione sciistica dove vorrà continuare a battere ogni record.

Seconda piazza invece per Petra Vlhova che conferma la posizione maturata nella prima manche a dimostrazione del feeling totale che ha con la neve finnica (Lo scorso anno vinse per un soffio beffando proprio la Shiffrin) che chiude con un distacco a 0.63, mentre terza piazza per una meravigliosa Bernadette Schild che riscatta una prima manche conclusa al dodicesimo posto ponendo in essere una rimonta strepitosa che la piazza sul gradino più basso del podio dandole una enorme iniezione di fiducia in vista delle prossime gare; detto della Hansdotter quarta, chiude i primi 5 Wendy Holdener oggi non apparsa in brillanti condizioni

Gara un pò opaca per le italiane con Chiara Costazza ed Irene Curtoni che chiudevano al 18mo e al 19mo posto staccate purtroppo dalle prime posizioni, pochissima velocità ottenuta nel corso della loro prestazione. Peccato per Bassino e Peterlini non qualificate, Midali fuori per errore.

Con Levi appuntamento a domani con lo slalom maschile alle 10:15 per la prima manche, e alle 13:15 per la seconda; qui si tratterà della prima gara tra gli uomini considerando l’annullamento a fine ottobre del gigante di Sölden.

Qui il riepilogo della classifica odierna:

http://live.fis-ski.com/lv-al5026.htm#/short